Partecipa

Qui troverai tutte le indicazioni utili e i consigli su come partecipare alla competizione nazionale Web reporter per MSF. Per aiutarti stiamo mettendo a punto il Regolamento della competizione, dove troverai i termini e le condizioni per partecipare.

I premi per gli articoli vincitori delle tre categorie in concorso (articoli di scuole secondarie di I grado, articoli di scuole secondarie di II grado, articoli in lingua straniera) sono: Pubblicazione del miglior articolo di ogni categoria sui canali ufficiali di MSF; Invio ai vincitori di un pannello di riconoscimento da esporre a scuola; Visita presso gli uffici di MSF a Roma: i redattori degli articoli vincenti delle tre categorie in concorso e gli insegnanti saranno invitati nella sede di MSF per vivere un giorno speciale insieme allo staff dell’associazione. Spese di viaggio e soggiorno saranno a carico di MSF; la visita si svolgerà in 2 giorni a maggio 2019

Web reporter per Medici Senza Frontiere

Regolamento della competizione e scheda di iscrizione

Leggi gli articoli pubblicati dalle Scuole Senza Frontiere e contribuisci a far vincere il tuo preferito alla competizione nazionale Web reporter per Medici Senza Frontiere

In balia del deserto (di Sebastiano Golinelli e Rocco Pirrone)

In balia del deserto (di Sebastiano Golinelli e Rocco Pirrone)

18 maggio 2018

  Per quanto ancora dovrò camminare prima di morire? Sono giorni che non mangio e non bevo, e sono ancora più preoccupato per mio figlio, che si sta lentamente spegnendo al mio fianco. La nostra guida è fuggita con i soldi, lasciandoci in balia del deserto; non so per quanto ancora resisteremo… Ogni giorno, in … Read More

Io vivo senza sapere (di Sofia Vasic)

Io vivo senza sapere (di Sofia Vasic)

15 maggio 2018

Il Myanmar, ufficialmente Repubblica dell’Unione della Birmania, è lo stato più grande dell’Indocina e si affaccia sul Golfo del Bengala e sul mare delle Andamane. Situato sulla costa occidentale della penisola indocinese confina da est ad ovest con Bangladesh, India, Cina, Laos e Thailandia. Sfortunatamente la maggior parte del mondo vive la propria vita non … Read More

Non solo profughi (di Benedetta Losi)

Non solo profughi (di Benedetta Losi)

15 maggio 2018

La famiglia Ashemi, composta da papà Ali mamma Ana e la figlia Nia di 10 anni, è una della tante famiglie che sono scappate dall’Afghanistan dopo che gli Stati Uniti hanno aumentato il livello delle ostilità nel 2015. Il padre pensava fosse pericoloso rimanere nel paese perché lavorava per il governo italiano e per il … Read More

Crisi Migratoria: siamo buoni o cattivi? (di Letizia Panigada e Greta Scomazzoni)

Crisi Migratoria: siamo buoni o cattivi? (di Letizia Panigada e Greta Scomazzoni)

11 maggio 2018

Negli ultimi anni l’Europa si è ritrovata di fronte ad una crisi migratoria. Le cause principali di questi spostamenti di massa possono essere di origine naturale o sociale, e tra queste, economiche, politiche, militari, religiose ecc. I paesi, in ordine di richiesta, con il maggior numero di richiedenti asilo in Europa sono Siria, Afghanistan, Iraq, … Read More

Soli, disorientati, spaventati (di Angelica Boeri)

Soli, disorientati, spaventati (di Angelica Boeri)

11 maggio 2018

In Siria circa la metà della popolazione ha bisogno di assistenza umanitaria a causa del conflitto che affligge il Paese ormai da molti anni. Oltre 2/3 della popolazione siriana sono sfollati o sono fuggiti all’estero in cerca di una nuova vita. Sono quattro milioni i siriani che hanno lasciato il proprio paese nei cinque anni … Read More

Voglio un futuro (di Maria Vittoria Muratori)

Voglio un futuro (di Maria Vittoria Muratori)

22 marzo 2018

  Che effetto vi farebbe incontrare per strada un bambino in queste condizioni? Sicuramente non rimarreste impassibili davanti a una scena così disumana ma, anche se sembra impossibile, questa è solo una delle tante immagini di bambini o più in generale persone siriane che ogni giorno sono le vittime di una guerra terribile e sanguinosissima. … Read More

Non possiamo non sapere (di Mattia Filippo Facchini)

Non possiamo non sapere (di Mattia Filippo Facchini)

18 febbraio 2018

  Le crisi umanitarie sono l’origine delle emigrazioni. Durante le vacanze scolastiche di Natale, quest’anno ho visto alcuni video in cui vengono mostrate immagini di diverse popolazioni che sono costrette a lasciare il proprio paese a causa di guerre, bombardamenti o disastri naturali e viene spiegato come moltissime persone di qualunque ETNIA, qualunque RELIGIONE o … Read More

Sud Sudan tra guerra e carestie (di Pablo Rimoldi)

Sud Sudan tra guerra e carestie (di Pablo Rimoldi)

18 febbraio 2018

  Il Sud Sudan raggiunse l’indipendenza dal Sudan nel 2011, però, quello che sembrava essere uno dei periodi più felici per il Sud Sudan, non avrà lunga durata, infatti nel 2013 iniziarono una serie di tensioni tra i sostenitori del presidente Salva Kiir Mayardit, di etnia dinka, ed i sostenitori del vice presidente Riech Machar, … Read More

Speranza in fuga: la storia di Amir (di Pietro Camarata)

Speranza in fuga: la storia di Amir (di Pietro Camarata)

18 febbraio 2018

  Spesso mi capita di informarmi su notizie che oggi sono all’ordine del giorno.  I telegiornali, le trasmissioni TV, i giornalisti della carta stampata parlano spesso di problemi  che ormai sono internazionali.  Quelli più noti sono gli attentati, la guerra, i problemi economici che sono, nella maggior parte dei casi, dei problemi che si trovano … Read More

In fiamme (di Ines De Rossi e Beatrice Bevilacqua)

In fiamme (di Ines De Rossi e Beatrice Bevilacqua)

12 febbraio 2018

  I Rohingya: il popolo meno voluto al mondo Non sempre ci rendiamo conto di tutto ciò che abbiamo e di quanto siamo fortunati ad averlo, quindi diamo per scontato che tutti si trovino nella nostra stessa situazione. Purtroppo, come abbiamo scoperto, molti non hanno tutte le possibilità che abbiamo noi, e spesso devono lottare … Read More

La trappola mortale della Siria (di Francesca Conti)

La trappola mortale della Siria (di Francesca Conti)

12 febbraio 2018

  “BUDAPEST – Sette milioni di profughi siriani. È questo il numero di migranti che l’Europa deve attendersi nei prossimi anni se non si risolverà la situazione in Siria. L’allarme arriva dal premier turco, che ha inviato una lettera ai leader UE. Egli chiede la collaborazione europea affinché si costituisca una ‘zona sicura’ in territorio … Read More

Vuoi provare a pubblicare anche tu?

Segui le indicazioni dei nostri tutorial